SARRI: «A GENOVA CI ASPETTA UNA PARTITA DIFFICILE»

MISTER SARRI PRESENTA LA SFIDA DI VENERDÌ
25 Giugno 2020
UFFICIALE | ARTHUR E PJANIC, GLI ACCORDI CON IL BARCELLONA
29 Giugno 2020
Show all

SARRI: «A GENOVA CI ASPETTA UNA PARTITA DIFFICILE»

Domani sera la Juventus va in scena a Marassi, ospite del Genoa, nel match valevole per la 29° giornata di Serie A. Una partita importante, presentata oggi da Mister Sarri all’Allianz Stadium. «Giocare in casa del Genoa è difficile per tutti, nelle gare interne negli ultimi anni ha sempre fatto bene. La partita è complicata, come lo sono sempre le gare contro le squadre che stanno lottando per non retrocedere. Dobbiamo essere consapevoli di questa difficoltà, i ragazzi lo sanno».

LA PREPARAZIONE DELLE PARTITE

«Adesso siamo ancora nella fase dove si deve trovare la migliore condizione fisica, ed è così per tutte le squadre. Con il passare delle giornate si prospetterà poi il problema inverso con l’accumularsi delle partite. Noi stiamo cambiando la gestione dei post partita, non abbiamo la possibilità di fare allenamenti impegnativi, è tutto un lavoro di scarico e di preparazione alla gara successiva. Le 5 sostituzioni? E’ una cosa da maneggiare con cura, ma è anche un’esperienza nuova e stimolante».

LA CONDIZIONE DEI GIOCATORI BIANCONERI

bentancur

«In questo momento numericamente non ci possiamo permettere di alternare più di 2-3 giocatori, nell’ultima partita tra i convocati avevamo 3 ragazzi dell’Under 23 e 3 portieri. Non abbiamo molte variabili, spero nei prossimi 7-8 giorni di recuperare qualche giocatore. Higuain sta meglio, ho solo un’incertezza sul suo minutaggioBentancur l’ho visto crescere abbastanza velocemente, è ancora più forte di quello che mi aspettavo. Ha acquisito personalità e convinzione, comincia ad avere più esperienza ed ha ancora dei margini di miglioramentoRamsey sta meglio, l’ho visto più frizzante nella gara contro il Lecce rjspetto a Bologna. Buffon? Non ho ancora deciso se giocherà domani, ma il giorno del record arriverà tranquillamente, penso in questa stagione».

IL FATTORE CAMPO

«Un po’ continua ad esserci. È vero che non c’è il pubblico, ma chi gioca in casa può fare affidamento sulle delle piccole certezze, sono abitudini che danno sicurezze ai giocatori»

Fonte: Juventus.com